La voglia di Vido racchiusa nei pochi minuti giocati dove ha fatto tremare gli avversari

Luca Vido ha tanta voglia di poter mostrare le sue carte e convincere l’allenatore Corini

Vido scalpita per poter giocare, il ragazzo arrivato in Estate come vice Brunori è impaziente di poter mostrare di che pasta è fatta. Nato nel settore giovanile del Milan, il classe 95′ arrivato dall’Atalanta ha dimostrato negli ultimi spezzoni di gara dove è stato inserito, di esserci con la testa. Entrato sempre a partita quasi conclusa, Luca Vido ha sempre messo in seria difficoltà la retroguardia avversaria, ne sanno qualcosa SudTirol e Pisa.
In tanti tra i tifosi vorrebbero vedere un attacco inedito con Brunori insieme a Vido. Sicuramente questa alternativa darebbe un peso notevole in avanti, ma andrebbe a sacrificare le ali del Palermo che formano la idea più pura del tipo di gioco di Corini.

LEGGI ANCHE: Palermo, Corini potrebbe confermare il centrocampo di Sabato contro il Pisa

Visto e considerato che Elia ha fatto anche il terzino e quindi è un giocatore che riesce anche a difendere e Di Mariano che spesso, e tornato dietro a dare una mano, qualcuno ha ipotizzato un cambio di modulo.
Sfruttando anche la dinamicità vista contro il Pisa da Segre, Broh e Gomes, i più visionari avrebbero pensato ad un 3-5-2.
In questo modo si potrebbe vedere una coppia d’attacco Vido e Brunori senza rimuovere totalmente le ali, che in questo modulo dovrebbero allargarsi meno, difendere all’occorrenza di più ma essere in campo, ovviamente con il servizio di supporto dei rapidi centrocampisti che hanno dimostrato di poter rompere il gioco avversario.

Certo tutta questa e visione e fantasia, forse servirebbe troppo coraggio e rischi che oggi il Palermo non può più permettersi, ma la cosa certa è che Vido vuole giocare e sicuramente merita qualche chance più importante per poterlo giudicare fino in fondo.

LEGGI ANCHE: Palermo stai tranquillo, in caso di problema c’è sempre Nicola Valente

Condividi questo articolo