Palermo-Pisa fiducia alla difesa e all’attacco rivoluzione al centro del campo

Palermo-Pisa è ormai alle porte e il momento dei tatticismi sta terminando tra meno di 24 ore parole al campo

Corini pronto a rivoluzionare la squadra ma non troppo. In vista della partita contro il Pisa di D’Angelo, l’allenatore del Palermo è pronto a cambiare le carte in tavola.
Precisamente la mini rivoluzione verrà attuata al centro del campo, dove potrebbero esserci molto novità.

Il Pisa che sembra aver ritrovato l’entusiasmo visti gli ultimi risultati, verrà a Palermo per fare punti fondamentali.
Il Pisa è una squadra molto dinamica, dove gli interpreti fanno della corsa la loro prima caratteristica.
Per fare fronte a questo, Corini ha deciso di puntare sulla dinamicità in mezzo al campo. Rompere il gioco avversario e poter ripartire rapidamente cercando di verticalizzare.

Il centrocampo dovrà fare da fisarmonica e da collante tra il reparto di difesa e quello d’attacco.
Per questo motivo, la scelta degli interpreti dovrebbe essere direzionata verso giocatori con più gamba.
I candidati al posto da titolare sono infatti: Broh, Damiani e Segre.
Broh e Damiani sono stato provati moltissimo, specialmente mercoledì quando in visita al Tenente Onorato è arrivato Gigliani. Segre che invece ha recuperato potrebbe incastonarsi benissimo con i due centrocampisti, l’ex Torino è sempre apparso in palla rispetto ai compagni nuovi di reparto.

LEGGI ANCHE: Corini smonta il centrocampo, ma l’attacco non si tocca, gli interpreti restano uguali

Corini ha provato anche un centrocampo con Saric e Gomes e Saric e Valente in versione anomala quest’Ultimo su quella posizione. Il giocatore che sembra destinato alla panchina è proprio Leo Stulac. Lo sloveno su cui Corini ha puntato tutto, potrebbe rimanere fermo ai box.
Per queste ragioni, sembra che Corini abbia deciso di modificare l’assetto degli interpreti al centro del campo, dunque: Broh, Segre e Damiani, tre giocatori che della corsa fanno il loro mantra.

In difesa niente di non visto, sulle fasce i soliti Buttaro e Mateju che potrebbe diventare un centrale in caso di passaggio al modulo a 3. Centrali Nedelcearu e Bettella preferito a Marconi.
In attacco invece non si cambia, il trio è sempre il solito, lateralmente Elia e Di Mariano a supporto di Matteo Brunori.

Condividi questo articolo